Salute mentale e diritti umani, l’Università di Cagliari organizza una Summer School

Comincerà lunedì 22 agosto alle 10 nei locali della ex Clinica Aresu di via San Giorgio – e andrà avanti fino alla mattina del 25 agosto – la Summer school sui diritti umani e la salute mentale, organizzata in città dall’Università di Cagliari e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO, World Health Organization) per discutere e promuovere un nuovo approccio nel campo dei servizi di salute mentale, in cui le cure di buone qualità si accompagnino ovunque nel mondo al rispetto dei diritti umani e puntino al recupero completo degli individui con disabilità psicosociale. Parteciperà ufficialmente anche l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (UNHCR).

Cagliari sarà dunque per tre giorni capitale mondiale del settore, grazie ad una vera e propria scuola che supporterà i servizi di cura in salute mentale nel miglioramento della qualità degli interventi. L’iniziativa – curata per l’Ateneo cagliaritano dal prof. Mauro G. Carta – mira anche allo sviluppo delle competenze sui diritti umani e al rafforzamento delle organizzazioni delle persone con disabilità psicosociale impegnate nella società civile, e si inserisce nel progetto QualityRights, il cui scopo è promuovere i diritti umani in salute mentale nell’area mediterranea, in cui l’Ateneo cagliaritano è partner di primo piano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Tra i temi trattati nella tre giorni cagliaritana le violazioni dei diritti umani, con particolare riferimento a quelle consumate nei confronti delle minoranze, lo stigma nei confronti delle persone con disabilità psicosociale e la loro marginalizzazione. Su tutto, la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, per approfondire il legame tra diritti umani e salute mentale nella cornice del diritto internazionale. Migliorare le condizioni di vita e il contesto sociale nei servizi di salute mentale è uno degli obiettivi dell’importante Scuola estiva, che intende introdurre a livello internazionale nuove pratiche per evitare abusi, violenze e pratiche coercitive in salute mentale.

Fra i docenti, Michelle Funk e Natalie Drew (WHO Ginevra); Soumitra Pathare (Responsabile Progetto QR in Gujarat, India); Maths Jesperson (Responsabile Servizio Ombudsman, Svezia); Peter McGovern (WHO consultant) e altri.

Tra i partecipanti, rappresentanti del ministero della salute e dell’educazione del Libano; del ministero della salute della Georgia; dei centri collaborativi WHO di Lille (Francia) e Trieste (Italia); di Medici senza Frontiere; LìorCBM per la salute mentale nell’Africa dell’Ovest e del Sud-Est Asiatico; dell’organizzazione degli Ombudsman della Svezia; oltre a studenti provenienti dalla Malesia, dall’Inghilterra, dall’Egitto, dalla Spagna, dalla Polonia, dall’Italia e da altri Paesi.

Pubblicato in eventi, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Nuove selezioni al crs4

CRS4 logoIl CRS4, all’interno del Programma “Natural Interaction and Knowledge Management Technologies”, seleziona una persona in possesso di laurea di primo livello in Informatica, Ingegneria, Fisica o Matematica. Le attività riguarderanno principalmente lo sviluppo di applicativi e servizi Web con argomento lo studio e lo sviluppo di sistemi per la gestione della conoscenza.

L’assunzione prevede un contratto a tempo determinato di 24 mesi. Scadenza per la presentazione delle domande: 5 Settembre 2016.
Tutti i dettagli nel bando: http://jobs.crs4.it/show/jo-59-0311

Inootre sempre all’interno del Programma “Natural Interaction and Knowledge Management Technologies”, il CRS4 seleziona un’altra figura in possesso di laurea di primo livello in Informatica, Ingegneria, Fisica o Matematica. Le attività riguarderanno principalmente lo sviluppo di Web Application nel campo della “Linguistica computazionale” con particolare riferimento all’Opinion Mining.

Anche in questo caso l’assunzione prevede un contratto a tempo determinato di 24 mesi. Scadenza per la presentazione delle domande: 5 Settembre 2016.

Tutti i dettagli nel bando: http://jobs.crs4.it/show/jo-59-0309

Pubblicato in CSR4, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Ultimi giorni per partecipare a IFchallenge ICT, bando per la creazione e lo sviluppo di startup innovative

TILT:              Innovation Factory lancia un nuovo bando IFchallenge in              ambito ICTAncora pochi giorni per partecipare al bando “IFchallenge” lanciato da Innovation Factory – l’incubatore certificato di AREA Science Park – nell’ambito del progetto TILT (Teorema Incubation Lab Trieste). L’opportunità è dedicata a quanti vogliano creare o accelerare lo sviluppo di nuove imprese in ambito ICT business to business (B2B) nei settori realtà virtuale, Internet Of Things, smart health, tecnologie marittime e turismo.

Tutti i requisiti e le modalità di ammissione sul sito www.innovationfactory.it, la scadenza per presentare le candidature è fissata l’8 agosto 2016.

Il processo di selezione delle candidature sarà suddiviso in due fasi. La prima prevede l’individuazione di 12 progetti da avviare al primo percorso di accelerazione durante il quale vengono messi a disposizione una serie di servizi: affiancamento di un coach d’impresa dedicato; assistenza manageriale rivolta alla definizione di value proposition, strategia marketing e commerciale, business model, pianificazione economico-finanziaria, piano di sviluppo aziendale; locali attrezzati.

Nella seconda fase saranno selezionati i progetti imprenditoriali più adatti a entrare nel progetto TILT, ai quali saranno destinati risorse, competenze e servizi quali: formazione, un programma dedicato di accelerazione e di accompagnamento, sedi e spazi di co-working, supporto di marketing, promozione, messa a disposizione della rete commerciale per l’accesso al mercato, supporto amministrativo, sviluppo tecnico (hardware e software necessari allo sviluppo dell’idea imprenditoriale, condivisione di prototipi di programmi e progetti, parte del patrimonio intellettuale di Teorema).

Questa nuova opportunità per le startup di entrare in TILT è particolarmente significativa – dichiara Michele Balbi, Presidente di Teorema – cade infatti in concomitanza del diciottesimo compleanno di Teorema, società nata in AREA Science Park il 29 giugno 1998. Una data importante per l’azienda che celebra in questo modo la raggiunta ‘maggiore età’.  Speriamo che questo sia di buon auspicio per una nuova generazione di imprenditori di successo”.

Sono molto soddisfatto per la pubblicazione del nuovo bando nei tempi previsti  – sottolinea Stefano Casaleggi, direttore generale di AREA Science Park. – E’ la conferma  dell’importanza che attribuiamo al progetto TILT nell’ambito delle strategie di AREA in favore delle startup.  Dopo l’ICT, abbiamo in programma nuovi bandi di Innovation Factory nei settori Scienze della vita e Nuovi materiali”.

Nel frattempo all’interno del progetto TILT, AREA Science Park e Teorema hanno avviato un programma di formazione per la qualificazione e la riqualificazione professionale incentrato sulle tecnologie di collaboration Microsoft. Un primo corso ha preso il via a giugno, un secondo sarà messo in calendario a settembre.

Pubblicato in Start Up, Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Notte Europea dei Ricercatori: il 30 settembre si rinnova l’appuntamento con la scienza che attrae

NottEuropea_timbriDal 24 al 30 settembre 2016 al via la Settimana della Scienza che culminerà il 30 Settembre con la Notte Europea dei Ricercatori.

La manifestazione è promossa dalla Commissione Europea. Il progetto coordinato da Frascati Scienza vede tra i suoi partnerprincipali i più importanti enti di ricerca nazionali (ASI, CNR, ENEA, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, ISS, CINECA, GARR, ISPRA, CREA, Sardegna Ricerche), tra le migliori università della Penisola (Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Università degli Studi Roma Tre, Università LUMSA, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università di Parma, Università di Sassari, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia) e la Regione Lazio.

Anche quest’anno Frascati Scienza sarà capofila di una rete di ricercatori, università e istituti di ricerca che si estendono dal nord al sud dell’Italia nel promuovere il più importante appuntamento europeo di comunicazione scientifica, un evento che in tutta Europa coinvolgerà oltre 300 città europee.

Centinaia gli eventi in Italia e in Europa tutti dedicati alla scienza e all’importanza della figura del ricercatore. In particolare, l’area Tuscolana, dove si trovano le infrastrutture di ricerca fra le più importanti d’Italia ed Europa, sarà l’epicentro dell’evento che coinvolge molte altre città italiane: Roma, Firenze,Milano, Trieste, Genova, Modena, Ferrara, Napoli, Palermo, Bari, Cagliari, Catania, Lecce, Parma, Pavia, Reggio Emilia, Sassari, Frascati, Carbonia, Cassino, Gorga, Grottaferrata, Monte Porzio Catone.

Le prossime due edizioni, a cura di Frascati Scienza previste a settembre 2016 e 2017, saranno all’insegna del MADE IN SCIENCE, per una scienza vista come vera e propria ‘filiera della conoscenza’, capace di produrre e distinguersi per eccellenza, qualità, creatività, affidabilità, transnazionalità, competenze e responsabilità.MADE IN SCIENCE sarà il marchio che distingue la qualità, l’eccellenza e l’importanza della ricerca italiana e il filo conduttore degli appuntamenti in programma.

Frascati Scienza il 24 settembre, in occasione dell’evento lancio della Notte Europea dei Ricercatori 2016, guiderà il pubblico in un viaggio attraverso una “Casa della Scienza” che sarà allestita a Roma con il contributo della Regione Lazio. Saranno realizzati spazi che riproducono una cucina camera, soffitta e giardino per promuovere varie attività scientifiche aperte a tutti. I partecipanti, dopo essere stati accolti all’ingresso, potranno visitare la casa attraverso un percorso che li guiderà in cucina per conoscere le “ricette di chimica”, in cameretta per scoprire la fisica dei giocattoli, fino a salire in soffitta per osservare con il telescopio la stella che scalda il nostro pianeta, per riscendere infine in giardino e conoscere da vicino i segreti della biologia. All’interno di ciascuna stanza le persone vivranno delle brevi esperienze scientifiche che permetteranno loro di guardare con occhi nuovi quello che accade ogni giorno nelle nostre case.

L’idea della casa guiderà tutte le attività che caratterizzeranno la settimana della scienza e la Notte Europea dei Ricercatori: ogni giorno della settimana, dal 26 al 29 settembre sarà, infatti, dedicato ad una delle 4 stanze e sarà caratterizzato da attività, laboratori e spettacoli a tema.

Infine, il 30 settembre la casa della scienza verrà ricostruita a Frascati all’interno delle Mura del Valadier e le stanze saranno ampliate così da ospitare un maggior numero di attività e consentire ai visitatori di vivere un numero maggiore di esperienze.

Per informazioni http://www.frascatiscienza.it

Tutti gli eventi rientranonella azione Marie Sklodowska-Curie del programma Horizon 2020. In Italia oltre al progetto coordinato da Frascati Scienza sono cinque i progetti vincitori del finanziamento europeo: Sharper, Luna 2016, Closer,Brighte Society.

La Notte Europea dei Ricercatori è un progetto promosso dalla Commissione Europea. Il progetto coordinato da Frascati Scienza è realizzato in collaborazione con Regione Lazio, il Comune di Frascati, ASI, CNR, ENEA, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, ISS, CINECA, GARR, ISPRA, CREA, Sardegna Ricerche, con Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Università degli Studi Roma Tre, Università LUMSA di Roma e Palermo, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università di Parma, Università di Sassari, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. L’evento vede la partecipazione di G.Eco, Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA), Accatagliato, Associazione Arte e Scienza, Gruppo Astrofili Monti Lepini (Osservatorio di Gorga), Associazione Culturale Chi Sarà di Scena, RES Castelli Romani, Associazione EtaCarinae, Associazione Tuscolana Amici di Frascati, Astronomitaly – La Rete del Turismo Astronomico, Explora il Museo dei Bambini di Roma, L.U.D.I.S, Museo Tuscolano delle Scuderie Aldobrandini, Native, Sotacarbo, STS Multiservizi, Science4Biz, Dinosauri in Carne e Ossa.

Pubblicato in Notte dei ricercatori, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Nasce Veranu la startup che realizza il pavimento intelligente: genera energia elettrica pulita camminandoci sopra

VERANUNasce Veranu la startup che sta realizzando il pavimento che genera energia elettrica pulita semplicemente camminandoci sopra. Una mattonella innovativa che converte l’energia cinetica dei passi in energia elettrica.

Dopo aver vinto lo scorso 8 aprile 2016 la prima edizione della Startup Battle, organizzata dal venture incubator Clhub, il 26 luglio il team si è costituito nella seconda srl innovativa fondatasi in Sardegna secondo il decreto del 17 febbraio 2016, diventando a tutti gli effetti una realtà aziendale.

Il progetto è nato nel 2012 dalla tesi di laurea specialistica in ingegneria elettronica dell’Ing. Alessio Calcagni, il CEO della nuova impresa, e fino ad oggi ha compiuto un lungo percorso fatto di studi, prove e prototipi. Ha dichiarato il CEO “sembrava solo ieri che mi stavo laureando in ingegneria elettronica con una tesi sui sensori di pressione piezoelettrici e oggi si termina un percorso iniziato a luglio 2012 per iniziarne uno ancora più importante: la costituzione di una startup innovativa”.

La mission della nascente startup è “sviluppare stili di vita sostenibili energeticamente nel rispetto dell’ambiente e con un’ottica diversa, partendo da noi stessi e dalle nostre azioni”. Un aspetto molto importante della nostra vita ma che per certi versi viene sottovalutato soprattutto quando ci occupiamo di mobilità sostenibile concentrando la nostra attenzione al trasporto su ruota o rotaia. Un’idea che ha tutti i presupposti per rivoluzionare il futuro energetico, in modo totalmente pulito, realizzando un pavimento intelligente capace di generare energia elettrica se sottoposto a pressione.

L’innovazione alla quale punta la nascente impresa riguarda il modo di concepire il pavimento, non più visto come oggetto passivo, ma come strumento attivo in grado di generare energia pulita semplicemente camminandoci sopra. Grazie ad una tecnologia invisibile e totalmente integrata nel pavimento tradizionale, facile da installare e da gestire in caso di manutenzione, la nascente impresa sarà la prima Startup italiana che creerà nuovi stili di vita sostenibili che partono direttamente dalle persone, dai loro passi e che saranno tangibili per tutti.

Gli inizi. Sono usciti allo scoperto per la prima volta il 9 Giugno del 2014 durante il seminario “Fare impresa nel comparto energia” organizzato dall’Università di Cagliari in collaborazione con Confindustria Sardegna Meridionale. Con molto coraggio hanno presentato la loro idea davanti all’ad della Saras, Massimo Moratti, ai vertici di Confindustria ed all’allora rettore dell’ateneo cagliaritano Giovanni Melis. Il progetto però nasce due anni prima da una tesi di laurea specialistica che l’Ing. Alessio Calcagni ha avuto modo di fare presso il DEALAB, il Laboratorio di Dispositivi Elettronici Avanzati dell’ateneo Cagliaritano, diretto dalla prof.ssa Annalisa Bonfiglio e “da quello che poi è stato uno dei miei mentori, Piero Cosseddu” ha aggiunto l’Ing. Calcagni. “Da qui parte tutta l’idea. Ma un’idea da sola non basta, bisognava condividerla con gli amici che negli anni dell’università hanno condiviso con me gioie e dolori. Ecco quindi che un’idea di un singolo diventa prima l’idea di 3 persone e poi di 10, migliorata e accresciuta in ogni sua parte”.

Veranu_26-07-2016Ad oggi il team, composto da Simone Mastrogiacomo COO ­ Chief Operating Officer, Giorgio Leoni, CTO ­ Chief Technical Officer, a cui recentemente si sono aggiunti Giovanni Sanna CFO ­ Chief Financial Officer, e Damiano Congedo CCO ­ Chief Communications Officer e dal CEO – Chief Executive Officer Alessio Calcagni, ha affrontato diverse sfide e ha partecipato a disparate competizioni tra cui la Start-Cup Sardegna 2013, PROFIS e l’Edison Start in cui sono arrivati tra i finalisti della edizione del 2014. Hanno valicato le Alpi per portare la loro idea imprenditoriale a Stoccarda al “Green Innovation and Investor Forum” nel 2014 dove, pur non vincendo, hanno riscosso un buon successo. “Se dovessi quantificare a livello energetico tutti i passi che abbiamo fatto fino ad oggi credo che potremmo illuminare la spiaggia del Poetto per molte notti. Da oggi” conclude il CEO “ci aspettano molti altri passi e siamo pronti per affrontarli con quell’impegno che ci ha sempre guidati nelle scelte”.

La startup è incubata presso il venture incubator Clhub che ha investito 30 mila € nel progetto ed ha sede a Capoterra. Riccardo Sanna, CEO di Clhub ha dichiarato: “Come primi vincitori della nostra prima Call for Ideas, ovvero la Startup Battle dell’8 aprile, avevamo grandi aspettative verso Veranu, e oggi possiamo dire che queste sono state ampiamente soddisfatte, se non superate. Avere un’idea che sia valida non basta, sono le persone a fare la differenza, per questa ragione quando investiamo lo facciamo principalmente sul team“.

Sito internet:

www.veranu.eu

Pubblicato in Start Up, Uncategorized | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Dottori.it lancia l’app per cercare il proprio medico

Andare in vacanza con il medico “in tasca” è finalmente possibile: è online l’app del portale Dottori.it (https://www.dottori.it), che consente di trovare lo specialista più adatto alle proprie esigenze dovunque ci si trovi, quindi anche mentre si è lontani dai medici abitualmente consultati.

L’applicazione è completamente gratuita e permette di ricercare medici e professionisti sanitari nel portale più utilizzato in Italia (oltre 40mila gli specialisti presenti) direttamente dal proprio dispositivo mobile. È possibile effettuare la ricerca in base alla loro specializzazione, alla propria patologia, alla prestazione desiderata o al nome e cognome del medico che si cerca.

Grazie alla geolocalizzazione, uno dei parametri che l’utente può impostare è quello della vicinanza al punto in cui si trova (casa propria, l’ufficio ma anche il posto in cui si è in vacanza); una volta scelto il medico è possibile consultarne l’agenda e selezionare data e ora per prenotare una visita. Tramite l’app è possibile verificare il curriculum e le specializzazioni del professionista medico, oltre che leggere i commenti lasciati da pazienti che lo hanno già conosciuto. In fase di prenotazione è possibile, infine, visualizzare le tariffe delle prestazioni in modo chiaro e trasparente, evitando di avere sorprese al momento dell’appuntamento.

L’app è multiutente: permette di creare più avatar e prenotare delle visite per tutta la famiglia, gestendo le diverse agende sanitarie da un unico account. Grazie all’applicazione è possibile ricevere le notifiche e organizzare un sistema di alert, per evitare di dimenticare gli appuntamenti presi.

Due le versioni dell’app: quella per iOS è disponibile per iPhone, iPad e iPod Touch ed è scaricabile sull’Apple Store al link https://itunes.apple.com/it/app/dottori.it/id1132636113?mt=8; è compatibile con iOS da 8.x 9.x. L’app per dispositivi Android (4.4 o versioni successive) è scaricabile nel Google Play Store al link https://play.google.com/store/apps/details?id=it.dottori.consumer.

L’applicazione per i pazienti arriva dopo il lancio, avvenuto negli scorsi mesi, di AgendaDottori – l’app di Dottori.it che permette ai medici di digitalizzare i flussi di comunicazione con chi ha in cura, gestendone le richieste, le prenotazioni e le cartelle cliniche.

«Dottori.it è una startup italiana che punta a semplificare il percorso di ricerca e scelta del medico – sostiene Paolo Bernini, CEO di Dottori.ite lo sviluppo delle app per iOS e Android vuole proprio velocizzare e migliorare la relazione tra i pazienti e gli specialisti, offrendo a entrambi un modo innovativo e pratico per ottimizzare i tempi con il massimo dei risultati».

Pubblicato in Start Up, Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

SocialFare® lancia FOUNDAMENTA#2 la call italiana per accelerare start-up a impatto sociale

Ritorna la seconda edizione di FOUNDAMENTA #2, la call italiana per business idea e start-up a impatto sociale, il cui bando rimarrà aperto fino al 7 agosto 2016.

FOUNDAMENTA #2 si pone l’obiettivo di selezionare, a livello nazionale, startup e business idea con soluzioni di eccellenza, innovative e scalabili, che rispondano alle importanti sfide sociali contemporanee, nelle seguenti aree di interesse:

  • Salute e benessere
  • Innovazione didattico formativa
  • Welfare
  • Cultura
  • Agricoltura e cibo

Le start-up selezionate avranno accesso ad un programma di accelerazione unico (del valore complessivo stimato € 40K/start-up) perché partecipato da partner nazionali ed internazionali, da mentor e advisor di assoluta eccellenza, in una location nel centro di Torino e in collaborazione con il primo fondo di social venture italiano, Oltre Venture. Il fondo si è impegnato a mettere a disposizione 400 mila euro come start-up investment da allocare – a sua totale discrezionalità – nelle migliori start-up partecipanti ai programmi di accelerazione di SocialFare®.

La prima edizione del programma 2015-2016 ha accelerato 16 business idea/start-up, selezionate nel corso della prima call FOUNDAMENTA che ha visto la partecipazione di oltre 180 candidati per un totale di 67 proposte, che hanno avuto l’opportunità di entrare a far parte di  un programma di accelerazione “su misura” per generare startup a impatto sociale replicabili e scalabili. La prima edizione del programma di accelerazione si è conclusa il 14 luglio 2016 con la partecipazione delle start-up all’investor day.

Il bando

Uteriori informazioni

Pubblicato in Bandi, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento