Nur-way, per una Sardegna preistorica più attrattiva: sabato l’evento finale

Sabato 13 marzo alle 10:00 si terrà online, su Google Meet (link diretto: meet.google.com/hug-qybd-vwq) l’evento finale del progetto cluster NUR_WAY, finanziato da Sardegna Ricerche grazie ai fondi del POR FESR Sardegna, con l’Università di Sassari come soggetto attuatore. L’evento sarà l’occasione per il gruppo di ricerca per presentare i risultati raggiunti e illustrare le attività svolte.

In apertura, i saluti del Magnifico Rettore dell’Università di Sassari, prof. Gavino Mariotti e del Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali, prof. Massimo Onofri; a seguire, l’intervento di Dario Carbini di Sardegna Ricerche.

Durante lo svolgimento dei lavori, si susseguiranno gli interventi dei docenti Anna Depalmas e Giovanna Fundoni (Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali), Maurizio Minchilli e Loredana F. Tedeschi (Dipartimento di Architettura), Enrico Grosso e Filippo Casu (Dipartimento di Agraria), Antonio Brunetti (dipartimento di Chimica e Farmacia), seguiti, in conclusione, dagli interventi delle imprese aderenti al cluster e dalla discussione finale. Parteciperà anche Cristiano Melis della Direzione generale dei Beni culturali della Regione Sardegna.

Il progetto NUR_WAY è nato con il proposito di elaborare soluzioni e prodotti innovativi attraverso l’integrazione di contenuti scientifici, approccio divulgativo e applicazioni tecnologiche, allo scopo di migliorare l’attrattività dei siti preistorici della Sardegna. NUR_WAY ha inoltre consentito di concertare strategie di azione e sviluppare parti applicative e di ricerca prototipale, ma anche e soprattutto di intraprendere un dialogo costruttivo con le imprese impegnate nel difficile compito di promozione del patrimonio archeologico nuragico e di accoglienza e interfaccia tra turismo culturale e territorio.

La realtà archeologica della Sardegna è caratterizzata da aspetti di eccezionalità riscontrabili nelle singolari categorie di monumenti e nel loro grado di conservazione. L’ambito preistorico è quello che fornisce le espressioni più significative, costituite dalle grandi costruzioni di pietra che rappresentano una delle manifestazioni più impressionanti, in termini di numero e di grandiosità, dell’intero Mediterraneo. Il paesaggio nuragico che contraddistingue vasti comparti dell’Isola, con la perfetta compenetrazione tra ambiente naturale ed edifici turriti, rappresenta la sua immagine identitaria.

Il progetto nasce, quindi, dalla consapevolezza dell’assenza di un canale diretto di trasferimento delle informazioni scientifiche derivate dalle ricerche e dagli scavi che l’Università e gli enti di ricerca conducono nei contesti preistorici della Sardegna. L’obiettivo di NUR_WAY è trasmettere le conoscenze scientifiche agli operatori del territorio per valorizzare e accrescere l’attrattività turistica dei complessi archeologici. Gli strumenti utilizzati saranno sia quelli tradizionali sia quelli mirati alla ricostruzione virtuale (anche con immagini e video 3D) dei siti culturali nuragici della Sardegna.

L’incontro è aperto a tutti e si svolgerà online sulla piattaforma Google Meet (link per seguire l’evento: meet.google.com/hug-qybd-vwq)

Questa voce è stata pubblicata in Università e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.