CONFAPI Sardegna guida dieci imprese alla conquista dei ristoranti giapponesi BALNIBARBI

Immagine1-1-400x170Conquistare il palato dei clienti dei ristoranti Balnibarbi, la famosa catena giapponese con oltre 100 locali nelle principali città del Giappone, molti dei quali ristoranti di lusso particolarmente attenti alla cucina e al cibo Made In Italy.  È questa l’ambiziosa, prossima sfida operativa del progetto Sardinia Asian Way (www.sardinia-asian-way.it), il pacchetto di azioni di supporto all’export dei prodotti agro-alimentari di dieci aziende sarde promosso da CONFAPI Sardegna e finanziato dalla Regione Sardegna nell’ambito del Piano per Internazionalizzazione.

L’iniziativa, che arriva dopo un anno di attività preparatorie e propedeutiche, verrà presentata ufficialmente a Tokyo il prossimo mercoledì 10 luglio 2019 presso il ristorante “Ride” alla presenza della stampa e degli operatori specializzati, e consiste nel promuovere il graduale inserimento in un numero selezionato di ristoranti della catena nipponica del Menu Sardegna elaborato utilizzando i prodotti delle aziende partecipanti al progetto: La Casa del Grano di Elmas, CP & G di Villacidro, Itria Zafferano di Turri, Meloni Vini di Selargius, A.Dol.Sar di Elmas, Caseificio Silvio Boi di Cardedu, Fadda di Thiesi, Società Agricola Peddio di Cuglieri, Siete Fuentes di Cagliari e I Sapori di Sardegna di Lodine.

“Abbiamo voluto cogliere un’ interessante opportunità che la Regione Sardegna metteva a disposizione delle Associazioni di Categoria per favorire la aggregazione di operatori economici e supportare la loro apertura verso i mercati internazionali con l’intento  di contrastare il declino generalizzato della domanda interna degli ultimi anni e cogliere opportunità di crescita e sviluppo per le  nostre imprese” ha affermato il neo presidente della Associazione delle Piccole e Medie Industrie GIORGIO DELPIANO; “ma non solo, – ha aggiunto DELPIANO: volevamo con questo progetto stimolare processi di organizzazione aziendale in grado di cogliere  le opportunità offerte dai mercati internazionali più promettenti ma complessi, come il Giappone,  e fare sì che il fenomeno della globalizzazione non sia un processo subìto passivamente dalle nostre imprese”

“Il Giappone è un mercato molto interessante, gli fa eco il direttore di CONFAPI Sardegna Silvana MANURITTA- perché importa oltre 57 miliardi di euro di prodotti agroalimentari da tutto il mondo, di cui circa 900 milioni di euro da l’Italia, ma con grandi prospettive di crescita per il Made Italy vista la forte  attenzione dei giapponesi verso i nostri prodotti e vista l’entrata in vigore a febbraio scorso dell’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Giappone che ha azzerato i dazi che gravavano su alcuni nostri prodotti: 25% sulla pasta, 15% sul vino e 40% sul formaggio”

Occorre ricordare infatti che i consumatori giapponesi hanno cambiato abitudini negli anni, introducendo nella loro dieta un consumo sempre maggiore di formaggi con un consumo attuale pro-capite annuo di 3 kg (contro i 23 di un italiano).

Tra i prodotti agroalimentari italiani importati in Giappone figurano al primo posto il vino con il 19%, segue l’olio di oliva con il 13%, il pomodoro trasformato con il 9,4% e il formaggio con l’8,9%.

Clicca e acquista su Amazon
acquista su amazon.it

Questa voce è stata pubblicata in Confapi, Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.