Alternanza scuola lavoro, giovedì si conclude il progetto degli studenti del liceo Euclide all’Università di Cagliari

Si conclude giovedì 6 luglio l’attività del progetto di Alternanza Scuola Lavoro (ASL) 2017 per 36 studenti delle terze classi del Liceo Classico-Scientifico Euclide che hanno svolto le attività previste nei locali del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Cagliari (impegnato per il secondo anno consecutivo nei progetti di ASL con l’Euclide).

Giovedì, a partire dalle 9.30 nell’Aula magna Boscolo della Cittadella universitaria di Monserrato, i ragazzi impegnati nel progetto presenteranno le attività svolte, durante le quali sono stati seguiti dal personale che lavora nelle strutture di ricerca e di didattica della Cittadella universitaria. Si va dall’allestimento delle postazioni didattiche del Laboratorio chimico e biologico – in cui gli studenti hanno imparato il corretto uso della vetreria e del microscopio ottico e vissuto esperienze pratiche su vari argomenti – alla preparazione della manifestazione “Musei aperti”, svoltasi nello scorso mese di maggio.

I docenti e i ricercatori hanno fatto vivere agli studenti dell’Euclide anche alcune esperienze di ricerca, come la sintesi e la caratterizzazione di complessi metallici. Particolare interesse ha suscitato in loro l’analisi del cioccolato, con la determinazione degli zuccheri per via polarimetrica, la preparazione e la gestione dell’inventario digitalizzato di un laboratorio chimico.

Ai ragazzi è stato insegnato anche l’utilizzo di un software utile per disegnare e ricercare le molecole e predirne alcune proprietà: hanno così potuto rappresentare alcune molecole con le quali vengono a contatto nella quotidianità. Nell’Ufficio di Presidenza della Facoltà hanno potuto apprendere anche le tecniche di gestione del lavoro quotidiano di segreteria e l’organizzazione del materiale distribuito durante le Giornate di Orientamento.

Nelle giornate trascorse in Cittadella, c’è stato spazio infine per la preparazione di un filmato, da utilizzare nel Museo di Chimica, esplicativo sulla diffrazione dei raggi x e la sua evoluzione nel tempo.

Coinvolti nel progetto i professori Carla Aragoni, Davide Atzei, Maria Elisabetta Fadda, Costantino Floris, Angelo Frongia, Alessandra Garau, Carla Cannas, Flaminia Cesare Marincola, Guido Ennas, Francesca Mocci, Anna Musinu, Tiziana Pivetta, Andrea Porcheddu, Elisabetta Rombi, e il personale della Segreteria di Facoltà Donatella Cau, Daria Chissalè e Giuseppina Onnis.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized, Università e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...