L’università di Cagliari a casa di Andrea Camilleri: i docenti Maria Elena Ruggerini e Giuseppe Marci hanno presentato allo scrittore i quaderni camilleriani e il sito web camillerindex

Lunedì 15 maggio, nell’abitazione di Andrea Camilleri a Roma, Maria Elena Ruggerini e Giuseppe Marci, docenti dell’Università di Cagliari, con il coordinamento di Paolo Lusci, hanno presentato allo Scrittore i Quaderni camilleriani e il sito Camillerindex.

I Quaderni camilleriani sono una collana di volumi che raccoglie studi dedicati a Camilleri. Il sottotitolo della pubblicazione recita: Oltre il poliziesco: letteratura / multilinguismo / traduzioni nell’area mediterranea, indicando, così, prospettive di ricerca che dagli ambiti filologici e letterari si proiettano verso gli studi sulla traduzione dei testi e la mediazione tra le culture.

Tra il 2016 e il 2017 sono stati messi in rete i primi tre volumi che riaffermano il legame dello Scrittore con l’Università di Cagliari e la prospettiva internazionale che il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Ateneo cagliaritano ha in questi anni esplorato organizzando una rete di studiosi operanti nelle Università di Málaga, Barcellona, Fortaleza, Sassari, Pécs, Parigi e Città del Messico. Frutto di tale attività sono i seminari organizzati a partire dal 2004 e poi con cadenza annuale dal 2013 al 2017.

Il sito Camillerindex, a sua volta, intende contribuire allo studio della vasta opera camilleriana, proponendo un indice dei nomi, dei toponimi, delle cose notevoli, delle parole e delle espressioni presenti negli oltre cento titoli scritti da Andrea Camilleri, che si diverte a mescolare l’italiano al vigatese, alle altre lingue (ad esempio lo spagnolo de Il re di Girgenti) e ai dialetti di diverse parti d’Italia. Un progetto ampio che sarà realizzato nel tempo, anche con l’apporto di quanti visiteranno il sito e potranno dare il loro contributo.

Camilleri ha ascoltato la presentazione ed è intervenuto per spiegare come la sua sia una ‘lingua viva’ che va modificandosi nel tempo e muove alla ricerca di sonorità capaci di restituire le molteplici articolazioni del parlato e il ricordo riaffiorante nella memoria di termini e suoni uditi in tempi anche molto lontani.

All’incontro era presente il fotografo Giorgio Dettori che ha ripreso l’avvenimento: il che lascia intuire che gli studi promossi dal gruppo cagliaritano avranno presto uno sviluppo iconografico.

“Nel primo numero dei Quaderni – hanno spiegato Maria Elena Ruggerini e Giuseppe Marci – abbiamo riportato una frase di Francesco Piccolo: «E adesso tocca a tutti noi raccontare, per chi ha avuto la fortuna di parlarci, di sfiorarlo o anche solo di mancarlo, il nostro incontro con Andrea Camilleri». È esattamente quanto intendiamo fare per contribuire a studiare un fenomeno letterario di grande significato nel contesto italiano e, con le numerose traduzioni e la serie televisiva del commissario Montalbano, anche nel vasto scenario di numerosi Paesi del mondo”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Università e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...