Il nuovo Codice degli Appalti pubblici strumenti e opportunità per imprese e PA

Più poteri all’Anac, aggregazione delle stazioni appaltanti e centralizzazione degli acquisti, introduzione del rating reputazionale delle imprese, rispetto degli oneri ambientali (Green public procurement, o appalti verdi) e di sicurezza nei cantieri, oltre all’albo dei commissari per gli organismi giudicatori: sono le novità principali introdotte nel nuovo Codice degli Appalti in vigore dallo scorso 19 aprile, dopo l’approvazione e la pubblicazione del decreto legislativo 50.

Il nuovo testo si è reso necessario da un lato per recepire le nuove direttive europee del 2014 e per evitare le procedure di infrazione nei confronti dell’Italia, e dall’altro al fine di razionalizzare e semplificare le vecchie disposizioni sulla contrattualistica pubblica, per una maggiore trasparenza e contrasto ai fenomeni di corruzione.

Per chiarire tutti gli aspetti dei 217 articoli che compongono la nuova normativa e per illustrare a tutti gli attori del sistema (imprese e pubblica amministrazione) le novità e le opportunità del nuovo codice, lo Sportello Appalti Imprese di Sardegna Ricerche, in collaborazione con l’Aniem (Associazione nazionale Imprese Edili e Manifatturiere) ha organizzato per il prossimo venerdì 6 maggio a Cagliari un seminario di approfondimento. A orientare i partecipanti attraverso i principi guida del decreto sarà  Antonio Bertelli, delegato dell’Anci al tavolo nazionale per il recepimento delle direttive europee sugli appalti.

Programma

  • 9.00 – Registrazione dei partecipanti
  • 9.30-10.00 – La “filosofia” del Nuovo Codice: i “principi guida” del legislatore e il percorso della legge delega
  • 10.00-12.00 – Programma delle acquisizioni delle stazioni appaltanti
    Il nuovo sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti
    Centralizzazione degli acquisti
    Centralità della “negoziazione” nelle nuove procedure di scelta del contraente
    Verso la misurazione della “reputazione” delle imprese e revisione delle SOA
  • 12.00-12.15 – Pausa caffè
  • 12.15-13.30 – L’esecuzione del contratto e le sue modificazioni
    Modifiche al contratto, varianti in corso d’opera e sospensioni
    Alcune specifiche tipologie di appalti
    Il partenariato pubblico e privato
    La governance: il ruolo della PDCM, dell’ANAC e del MIT

 

LO SPORTELLO APPALTI IMPRESE

Lo Sportello Appalti Imprese è un servizio gratuito a sostegno degli operatori economici sardi intenzionati a entrare o a consolidarsi nel mercato degli appalti pubblici, ideato e promosso da Sardegna Ricerche in collaborazione con Promo PA Fondazione e Poliste Srl.

Giunto al suo terzo anno di attività, lo Sportello è un luogo fisico e virtuale di incontro tra gli operatori economici sardi. Attraverso questo strumento, Sardegna Ricerche fornisce, in modo del tutto gratuito, servizi di formazione, informazione e consulenza, in particolare attraverso la costruzione di raggruppamenti di imprese e lo scambio di esperienze e competenze tra le stazioni appaltanti.

L’iniziativa rappresenta un’occasione importante per promuovere la competitività delle imprese sarde e aiutare il sistema economico ad avvicinarsi a un mondo ricco di opportunità di mercato come quello delle gare pubbliche.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sportello Appalti Imprese, Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...