3 idee Sarde guardano lontano – PNI 2015 la finale

L’Università della Calabria, il 3 e il 4 dicembre prossimi, ospiterà la XIII edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), il prestigioso riconoscimento nato nel 2003 per promuovere e diffondere la cultura d’impresa in ambito accademico.

Sessantatre sono i progetti in campo per aggiudicarsi la vittoria alla più grande e capillare business plan competition d’Italia, promossa dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari – PNICube.

Obiettivo del PNI è sostenere la nascita di imprese ad alto contenuto di innovazione e promuovere lo sviluppo economico dei territori. Inoltre, mira a favorire il rapporto tra i ricercatori, il mondo dell’impresa e della finanza.

L’evento prevede una serie di iniziative come l’esposizione/fiera delle idee, i seminari di approfondimento e la cerimonia finale, durante la quale le migliori 16 idee si affronteranno a “suon di pitch”, per determinare l’idea innovativa vincitrice del Premio. Il tutto allietato da spettacoli di intrattenimento.

Ecco i numeri dell’edizione 2015. 18 Start Cup; 1278 Idee imprenditoriali; 3253 Proponenti idee; 608 Business plan; 1899 Proponenti BP. 3 le idee che dalla Sardegna sono partite alla volta della Calabria per contendersi il titolo: Smart Sensory Box (ICT); IntendiMe (ICT) e Arcolabio (Cleantech & Energy).

La “Smart Sensory Box” è un dispositivo per la conduzione informatizzata dei test di analisi sensoriale. Si differenzia dagli atri prodotti presenti sul mercato per le sue caratteristiche di semplicità e flessibilità di utilizzo, grazie alle quali si intende estendere il suo impiego ad una più ampia fascia di utenti. È il frutto dell’attività sinergica di un team che è stato in grado di associare, all’attività di ricerca in ambito sensoriale, l’esperienza nel campo dello sviluppo di sistemi informatici e la conoscenza delle dinamiche legate al trasferimento tecnologico nelle aziende e nei processi produttivi.

IntendiMe è un sistema estremamente versatile in grado di rilevare tutti i suoni che si verificano all’interno di una casa; il cuore dell’innovazione è una speciale placchetta che, attaccata su una qualsiasi fonte sonora come telefono, citofono, porte e finestre, rubinetti, timer degli elettrodomestici e allarmi, è in grado di rilevarli e avvisare immediatamente l’utente su smartphone, tablet e bracciale, facendoli vibrare e illuminare e indicando sul display la fonte sonora rilevata. Inoltre i bracciali possono comunicare tra di loro, permettendo alle persone di chiamarsi da una stanza all’altra o richiedere aiuto in caso di necessità, premendo semplicemente un tasto.

Arcolabio si propone di produrre e immettere sul mercato materiali ecosostenibili, d’interesse artigianale e industriale, ottenuti da sistemi vegetali spontanei e da residui agroalimentari e agroindustriali attraverso il recupero di frazioni ad alto valore aggiunto degli scarti, focalizzando su bisogni del mercato globale non ancora soddisfatti. Il prodotto col quale si intende iniziare la produzione è un filamento per la stampa ad estrusione a caldo ottenuto dagli scarti della produzione del carciofo spinoso sardo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Premio Nazionale per l’Innovazione, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...