Partendo dalla Sardegna un breve viaggio tra i principali eventi in programma in tutta Italia per la Notte Europea della Ricerca

di Alessandro Ligas

Aperitivi Scientifici, Conferenza Stampa, Mostre, Seminari, Spettacoli, Visite guidate, concerti, esperimenti e dimostrazioni scientifiche dal vivo… questi sono soltanto alcune tipologie dei 197 eventi che si terranno nella giornata del 25 Settembre durante la X edizione della Notte Europea dei Ricercatori, evento di chiusura della ‪‎Settimana della Scienza (20-25 settembre) organizzata da Frascati Scienza e patrocinata e finanziata dalla Commissione Europea.

Frascati, Roma, Trieste, Milano, Pavia, Bologna, Ferrata, Pisa, Bari e Cagliari 10 città che daranno una nuova lettura del modo di fare ricerca e del mondo dei ricercatori. 10 città che festeggeranno il decimo anniversario dell’evento scientifico più famoso al mondo stimolando l´interesse del grande pubblico (di tutte le età) dandogli l’opportunità di curiosare nei luoghi della ricerca scientifica normalmente chiusi al pubblico. Un momento unico dove si potrà apprendere divertendosi e si avrà l’opportunità di dialogare direttamente con i ricercatori, parlare con loro e riscoprire cosa fanno realmente per la società. Un dialogo che inizia il 20 settembre ma che non deve mai smettere che ha il fine di promuovere lo sviluppo complessivo, sia culturale che economico, del cittadino facendo crescere una consapevolezza ed una “confidenza” con le tematiche scientifiche in modo tale che tutti sappiano confrontarsi con la scienza con i giusti mezzi.

In Sardegna, ad esempio, dei 18 eventi previsti, sarà possibile capire come è possibile curare i tumori con gli acceleratori di particelle grazie alla fisica ed alla tecnologia avanzata applicata o capire cosa realmente sono le radiazioni. A Carbonia, presso il centro di ricerche Sotacarbo, sarà possibile andare alla ricerca della CO2 attraverso un percorso laboratoriale che permetterà, tramite sperimentazione diretta, di comprendere cosa si intende per “carbon capture and storage”-CCS. Saranno messi a disposizione dei visitatori tre banchi da lavoro attrezzati per ripetere, con materiali di uso comune, i passi principali delle tecnologie CCS: cattura, trasporto e confinamento della CO2. A Sassari, presso l’Università turritana, sarà possibile capire i segreti della birra, dalla fermentazione alla degustazione, o scoprire la scienza che si nasconde tra i fornelli. Il Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Cagliari aprirà i propri laboratori fino alle 22.00, e sempre fino a notte tarda sarà possibile visitare il Museo di Fisica di Sardegna con i suoi strumenti storici, exhibit interattivi e fare esperimenti. Ma anche ripercorrere la storia della comunicazione: 120 anni fa Guglielomo Marconi inviò il primo segnale radio, diventando l’emblema della scoperta e della comunicazione a distanza, da allora il mondo è cambiato e si potrà fare un viaggio nel tempo partendo dai primi rivelatori di onde elettromagnetiche, agli attuali smartphone. Ma si potrà anche guardare il cielo con uno spirito diverso grazie al telescopio della nuova “cupoletta” astronomica del Dipartimento di Fisica che sarà il protagonista dell’osservazione della volta celeste sopra la città. Si potranno (tempo permettendo) osservare alcuni degli “oggetti” del cielo profondo come galassie, nebulose ed ammassi stellari in diretta, per scoprire il fascino dell’osservazione astronomica dal vivo.

Non solo Sardegna ma anche Roma dove si comprenderanno i principi della fusione termonucleare, a Frascati sarà possibile giocare con la luce,a Cascina si potranno studiare gli effetti di composizione delle onde elettromagnetiche costruendo modellino funzionante di interferometro, a Roma si potranno capire i fenomeni che caratterizzano il nostro sistema solare o un viaggiare nel suo interno, a Pisa conoscere i misteri del mondo sub..atomico, a Bologna si parlerà di Fotovoltaico: energia pulita e sostenibile dal sole. In Emilia Romagna, a Ferrara si potrà conoscere da vicino il più grande acceleratore di particelle mai entrato in funzione e delle sfide che ancora attendono i fisici del CERN grazie ad un’installazione interattiva. A Roma, presso l’ASI, il giornalista Paolo D’Angelo incontrerà i due astronauti Maurizio Cheli ed Umberto Guidoni che parleranno della loro comune esperienza di volo e risponderanno alle domande del pubblico. Ma si potranno anche capire le differenze tra il sistema di ricerca italiano e quello estero grazie ad una skype call con i ricercatori baresi che si trovano all’estero e che verranno intervistati direttamente nei rispettivi luoghi di lavoro fuori dall’Italia.

In una giornata sono racchiuse tantissime prospettive che ci permettono di scoprire come è fatto il mondo e come il ricercatore si approccia alla conoscenza di ciò che ci sta attorno.

Per una visione complessiva di tutti gli eventi Italiani previsti il 25 è possibile navigare sulle pagine del sito di Frascati Scienza mentre per conosce gli eventi europei previsti durante la Notte Europea dei Ricercatori, è possibile navigare nella pagina web predisposta dalla Commissione europea.

Questa voce è stata pubblicata in Notte Europea dei Ricercatori e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.